Loading...

Le benzodiazepine sono il gruppo di farmaci più elargiti al mondo, ampiamente prescritte per differenti problematiche psichiatriche. Ad oggi sono diventati farmaci indispensabili in anestesiologia e in molte cure di emergenza. Queste sostanze sono utilizzate generalmente per trattare disturbi d’ansia, insonnia, epilessia. L’emergenza da Covid-19 e le relative misure adottate hanno influenzato prepotentemente il mercato farmacologico: sono cambiate infatti le modalità di utilizzo ed è aumentata la modalità di prescrizione per trattare soprattutto insonnia e ansia.

Queste sostanze agiscono come depressori del sistema nervoso centrale e i loro effetti comprendono effetti ansiolitici e sedativi, rilassamento muscolare e attività anticonvulsiva. 

Le nuove benzodiazepine, spesso commercializzate come “designer benzodiazepine”, sono vendute come sostituti delle regolari benzodiazepine e sono sempre più disponibili soprattutto su alcune piattaforme online. Questi farmaci illegali sono monitorati dall’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze come nuove sostanze psicoattive (NPS). 

Attualmente il merchandising europeo è dominato dall’etizolam e dal flualprazolam, affermandosi sul nuovo mercato delle sostanze psicoattive in Europa per diversi fattori. In primis, i consumatori cercano nuove esperienze farmacologiche o alternative a quelle dei medicinali soggetti a prescrizione medica. Le NPS sono diventate una scelta relativamente a basso costo rispetto alle benzodiazepine da prescrizione e facilmente reperibili sul mercato illecito. La fornitura legale di farmaci autorizzati a base di benzodiazepine ha subito notevoli restrizioni oltre all’introduzione di limiti di prescrizione per prevenire o ridurre i possibili danni e rischi di dipendenza. Inoltre, durante il periodo di pandemia da Covid-19, molte persone hanno sperimentato nuove modalità di assumere farmaci e definito in autonomia la posologia.

Per le nuove benzodiazepine, la somministrazione orale sembra essere la più comune, sebbene siano stati segnalati anche l’iniezione, il fumo/vaping e l’inalazione. 

I rischi associati al loro utilizzo possono essere più elevati, proprio perché non si conoscono tutti gli effetti collaterali. I consumatori, in alcuni casi non del tutto consapevoli delle sostanze che stanno utilizzando, potrebbero essere a rischio di grave avvelenamento. Particolarmente rischioso il mix con alcol o oppioidi, altre sostanze che agiscono come depressori del sistema nervoso centrale. 

Talvolta le NPS vengono utilizzate dalle organizzazioni del mercato illegale per riprodurre compresse falsificate che imitano i farmaci benzodiazepinici legalmente prescritti, come il diazepam (Valium) e l’alprazolam (Xanax). In Europa sono stati segnalati diversi effetti avversi legati all’uso di questi medicinali contraffatti, probabilmente legati alla presenza di adulteranti (altre sostanze o sottoprodotti di sintesi provenienti dalla produzione e lavorazione illecita).  

Tra il 2019 e il 2020 l’Osservatorio europeo delle droghe ha ricevuto un numero limitato ma preoccupante di segnalazioni che indicano che le nuove benzodiazepine sembrano essere state usate in setting di consumo di gruppo, per facilitare situazioni ad alto rischio di perdita di coscienza, terminate in alcuni casi con denunce per violenza sessuale.

Data la complessità del mercato criminale e gli intrecci con la diffusione delle sostanze illecite, è necessario informare e sensibilizzare il target di adolescenti e giovani, la popolazione più a rischio di vivere esperienze a contatto con questo tipo di sostanze.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Riccardo
Riccardo
1 mese fa

Bello questo nuovo articolo!